Seguici fu facebook
cerca

Bio a Roma

Bacheca

Offerte di lavoro Bio

Info Biologiche

Ultimi Commenti

Tag Cloud

Ricerca Bio

Tagliatelle di castagne ai funghi porcini

Tagliatelle di castagne ai funghi porcini

Tagliatelle di castagne ai funghi porcini

In questo periodo troverete facilmente la farina di castagne, è un prodotto stagionale, ha una consistenza un pò diversa dalla farina 0 e un sapore un pò dolce.

Per fare le tagliatelle vale sempre la regola di un uovo per ogni 100 gr di farina, in questo caso per equilibrare il sapore utilizzeremo 150 gr di farina di castagne e 150 gr di farina 0.

Dosi per 4 persone
Ingredienti per le tagliatelle:

150 gr di farina di castagne
150 gr di farina 0
3 uova

Ingredienti per il condimento

3 funghi porcini di media grandezza
1 spicchio d’aglio
olio extra vergine d’oliva
prezzemolo

…continua >>

Le castagne: raccolta e conservazione

Il riccio e la castagna

Il riccio e la castagna

Il frutto autunnale biologico per eccellenza è la castagna. Bollite, caldarroste o secche, sono tanti i modi per gustarla.

I prodotti autunnali sono i protagonisti  assoluti sulle nostre tavole in questo periodo. La raccolta delle castagne può essere un buon pretesto per una scampagnata fuori porta.

Ecco qualche suggerimento per conservarle a lungo:

  • La surgelazione:per surgelare le castagne è sufficiente lavarle, scartare  le castagne bacate, fare una piccola incisione sul dorso della castagna e metterle in freezer. Un metodo semplice che permette di conservarle molto a lungo.
  • Lo  “scuramento”  o “novena”: questa tecnica consiste nell’immergere le castagne nell’acqua fredda per qualche giorno (5/7 giorni), cambiando l’acqua ogni giorno.  Le castagne che vengono a galla vanno buttate. Con questa tecnica vengono eliminati  per mancanza di ossigeno  i microrganismi aerobi agenti delle muffe e dei marciumi dei frutti.
  • La ricciaia: i fortunati che hanno un proprio castagneto possono ricorrere a questa antica tecnica di conservazione, che consiste nel lasciare a terra le castagne all’interno dei loro ricci, e ricoprirle con foglie e terra.

…continua >>