Seguici fu facebook
cerca

Bio a Roma

Bacheca

Offerte di lavoro Bio

Info Biologiche

Ultimi Commenti

Tag Cloud

Roma, crocevia del biologico

Roma scommette sul biologico. Lo fa con il primo punto nazionale di distribuzione, presso il centro agroalimentare Car, che fornirà latte, prodotti caseari, ortofrutticoli, quarta gamma e scatolame, assicurando 50mila pasti l’anno nelle mense scolastiche, con un fatturato annuo stimato in oltre 4 milioni di euro.

L’assessore all’Agricoltura Daniela Valentini ha sottolineato oggi in conferenza stampa la sua soddisfazione per il progetto promosso dalla Regione e dall’Arsial: “Puntiamo a ridurre i costi per contenere i prezzi al consumo e far uscire il biologico dal mercato di nicchia, finora poco accessibile, dando concrete risposte per il benessere di produttori e consumatori. La sfida è fare un’economia nuova e di qualità nel mercato bio romano che già conta 2736 aziende agricole biologiche e 70mila ettari di superficie coltivata nel Lazio”.

“Grazie alla distribuzione tramite piattaforma – ha detto il commissario straordinario di Arsial (Agenzia sviluppo agricoltura del Lazio, n.d.r.) Massimo Pallottini – scenderà di 50 centesimi di euro il costo di uno dei 180mila pasti quotidiani nelle mense del comune di Roma, con un risparmio per il Campidoglio di 6 milioni e 750 mila euro”.

Il bando per la gestione della piattaforma distributiva presso il Car, pubblicato da Arsial, se l’è aggiudicato il consorzio di 250 imprese “Bio Roma”, presieduto da Carlo Tabaccoli, che ha così commentato: “E’ un bel giorno per il biologico del Lazio e per i consumatori che domandano freschezza e qualità alimentare”. “Grazie alla piattaforma anche a Roma – ha sottolineato Tabaccoli – si potrà presto consumare latte biologico fresco, finora trasformato in altre regioni”.

http://redazione.romaone.it/4Daction/Web_RubricaNuova?ID=90143&doc=si

Commenti chiusi.

Categorie: Varie Nessun Commento »