Seguici fu facebook
cerca

Bio a Roma

Bacheca

Offerte di lavoro Bio

Info Biologiche

Ultimi Commenti

Tag Cloud

Varie

Appello contro la Monsanto

Vandana Shiva

Vandana Shiva

La richiesta della Monsanto di brevetti sulle piante e gli animali è l’ennesimo abuso di potere che questa multinazionale compie. La sicurezza alimentare mondiale e la capacità di sostentamento degli agricoltori di tutto il mondo sono in pericolo. Leggete l’appello e firmate.

L’aumento della monopolizzazione di sementi e di animali attraverso i brevetti nel corso degli anni ha sollevato la preoccupazione di associazioni di agricoltori, allevatori, istituzioni delle Nazioni Unite e organizzazioni che si occupano di sviluppo e di ambiente.
La perdita di autonomia e l’innalzamento del debito degli agricoltori, la riduzione delle varietà di piante e animali, e le sempre più crescenti restrizioni per attività di allevamento e di ricerca rappresentano alcuni degli effetti più preoccupanti di questa tendenza. L’attenzione è alta ma nessun …continua >>

Urupia: un mondo secondo natura

Urupia

Cari utenti vogliamo condividere con voi il racconto di Giuseppe, un amico di RomaBiologica.com, che ci ha scritto descrivendo una piccola Comune dedita alla produzione di prodotti biologici nel cuore del Salento. Leggete, commentate, diffondete!

Sono stato a Urupia come ospite per 10 giorni e credo che questa esperienza mi abbia cambiato in meglio venendo in contatto con un mondo a me del tutto o quasi sconosciuto.

Avevo delle vaghe informazioni su Urupia prese da internet e da qualche rivista specializzata, mi aspettavo un comune gestita da un gruppo di persone che producevano bio e attuavano nella loro realtà locale una rete di contatti sia a livello politico sia sociale, puoi immaginare la mia sorpresa arrivando in comune e vedendo che queste persone le “Comunarde” oltre a fare quello che ti ho detto da 15 anni hanno: un impianto di fitodepurazione delle acque, il primo in Italia non per uso didattico ma civile; un impianto di pannelli solari; circa 30 ettari di terreni messi in coltura tra vigneti, uliveti, un orto, un frutteto, un forno a legna; un’area campeggio attrezzata, proprio quando sono arrivato era in atto il campeggio con i bambini totalmente autogestito da loro dai pasti alle varie attività giornaliere, i bambini erano seguiti da una comunarda Thea e un’ospite Tania di lunga permanenza.

Urupia è una comune aperta e previo accordo  è sempre disponibile a ospitare nuovi ospiti. …continua >>

Le Sorgenti d’Acqua minerale di Roma

Acqua Minerale

Acqua Minerale

Bevete acqua minerale? Vi disturba l’idea  che l’acqua imbottigliata in plastica giri su camion attraversando mezza Italia prima di approdare sulla vostra tavola? Andare direttamente alla fonte sorgiva è il metodo a chilometro zero per bere acqua minerale, in modo sostenibile ed economico.

Noi italiani siamo i principali consumatori di acqua in bottiglia, eppure nella maggior parte delle nostre case, sopratutto a Roma, esce dell’ottima acqua potabile. Acqua minerale o acqua di rubinetto, questo è il dilemma, i gusti sono diversi ma la cosa importante è consumare in maniera responsabile. …continua >>

Acqua Fiuggi

Località Spelagato, 1
03015 Fiuggi ( FR )

Tel: 800 289288

www.acquafiuggi.com

…continua >>

Il Gusto è………Giusto!

Gusto Giusto

Gusto Giusto

Avete impegni martedì 23 Giugno? Tenetevi liberi e accorrete all’inaugurazione dell’Associazione “Gusto Giusto”. L’idea nasce da un gruppo di persone animate da un forte interesse  verso la nutrizione, l’alimentazione, l’enogastronomia e il rispetto per l’ambiente. L’associazione sta lavorando ad una serie di iniziative come:

• l’avvio di un Progetto Last Minute Market per il recupero e la valorizzazione dei beni alimentari invenduti a favore di enti caritativi del IV Municipio;

• la messa a punto di un programma di educazione alimentare nelle scuole (“Gusti Verdi”), che coinvolgerà alunni, famiglie, docenti, dirigenti e responsabili delle mense scolastiche del territorio. …continua >>

La Mobilità Sostenibile

Bici in Città

Bici in Città

Consumi sostenibili, energie rinnovabili, case ecologiche, cibi biologici, tessuti ecologici, cosmesi naturale; queste sono le nuove abitudini di noi “eco-consumatori“, attenti e critici, capaci di scegliere cosa comprare e cosa scartare, sempre alla ricerca di prodotti di qualità, interessati alle tematiche ambientali e indirizzati verso la valorizzazione di comportamenti socialmente responsabili.

Rimbalza da qualche giorno la notizia di nuovi eco-incentivi da parte del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare per l’acquisto di bici, un’ooportunità rivolta a noi.

Alle nostre abitudini di consumo può aggiungersi anche un altro elemento: la mobilità sostenibile! …continua >>

Eolo – la macchina fantasma

L’auto ad aria è… volata via
Eolo, la vettura che avrebbe fatto a meno della benzina è stata fatta sparire. Perché?
VIVAMO IN UN MONDO DOVE CI VOGLIONO FAR CREDERE CHE IL PETROLIO E’
IMPORTANTE QUANTO L’ACQUA
QUESTA DEVE DAVVERO FARE IL GIRO DEL MONDO!
Guy Negre, ingegnere progettista di motori per Formula 1, che ha lavorato alla Williams per
diversi anni, nel 2001 presentava al Motorshow di Bologna una macchina rivoluzionaria: la
“Eolo” (questo il nome originario dato al modello), era una vettura con motore ad aria
compressa, costruita interamente in alluminio tubolare,fibra di canapa e resina,
leggerissima ed ultraresistente.
Capace di fare 100 Km con 0,77 euro, poteva raggiungere una velocità di110 Km/h e
funzionare per più di 10 ore consecutive nell’uso urbano.
Allo scarico usciva solo aria, ad una temperatura di circa -20°, che veniva utilizzata
d’estate per l’impianto di condizionamento.
Collegando Eolo ad una normale presa di corrente, nel giro di circa 6 ore il
compressore presente all’interno dell’auto riempiva le bombole di aria compressa,
che veniva utilizzata poi per il suo funzionamento.
Non essendoci camera di scoppio né sollecitazioni termiche o meccaniche la
manutenzione era praticamente nulla, paragonabile a quella di una bicicletta.
Il prezzo al pubblico doveva essere di circa 18 milioni delle vecchie lire, nel suo
allestimento più semplice.
Page 2
Qualcuno l’ha mai vista in Tv?
Al Motorshow fece un grande scalpore, tanto che il sito www.eoloauto.it venne subissato di
richieste di prenotazione: chi vi scrive fu uno dei tanti a mettersi in lista d’attesa, lo
stabilimento era in costruzione, la produzione doveva partire all’inizio del 2002: si trattava
di pazientare ancora pochi mesi per essere finalmente liberi dalla schiavitù della benzina,
dai rincari continui, dalla puzza insopportabile, dalla sporcizia, dai costi di manutenzione,
da tutto un sistema interamente basato sull’autodistruzione di tutti per il profitto di pochi.
Insomma l’attesa era grande, tutto sembrava essere pronto, eppure stranamente da un
certo momento in poi non si hanno più notizie.
Il sito scompare, tanto che ancora oggi l’indirizzo www.eoloauto.it risulta essere in vendita.
Questa vettura rivoluzionaria, che, senza aspettare 20 anni per l’idrogeno (che costerà alla
fine quanto la benzina e ce lo venderanno sempre le stesse compagnie) avrebbe risolto
OGGI un sacco di problemi, scompare senza lasciare traccia.
A dire il vero una traccia la lascia, e nemmeno tanto piccola: la traccia è nella testa di tutte
le persone che hanno visto, hanno passato parola,hanno usato Internet per far circolare
informazioni.
Tant’è che anche oggi, se scrivete su Google la parola “Eolo”, nella prima pagina dei
risultati trovate diversi riferimenti a questa strana storia.
Come stanno oggi le cose, previsioni ed approfondimenti. Il progettista di questo motore
rivoluzionario ha stranamente la bocca cucita, quando gli si chiede il perché di questi ritardi
continui. I 90 dipendenti assunti in Italia dallo stabilimento produttivo sono
attualmente in cassa integrazione senza aver mai costruito neanche un’auto.
I dirigenti di Eolo Auto Italia rimandano l’inizio della produzione a data da destinarsi, di
anno in anno.
Quali considerazioni si possono fare su questa deprimente vicenda? Certamente viene da
pensare che le gigantesche corporazioni del petrolio non vogliano un mezzo che renda gli
uomini indipendenti.
La benzina oggi, l’idrogeno domani, sono comunque entrambi guinzagli molto ben
progettati.
Una macchina che non abbia quasi bisogno di tagliandi nè di cambi olio,che sia semplice e
fatta per durare e che consumi soltanto energia elettrica, non fa guadagnare abbastanza.
Quindi deve essere eliminata, nascosta insieme a chissà cos’altro in quei cassetti di cui
parlava Beppe Grillo tanti anni fa, nelle scrivanie di qualche ragioniere della Fiat o della
Esso, dove non possa far danno ed intaccare la grossa torta che fa grufolare di gioia le
grandi compagnie del petrolio e le case costruttrici, senza che “l’informazione” ufficiale dica
mai nulla, presa com’è a scodinzolare mentre divora le briciole sotto al tavolo….

Gnocchi al pesto

Ingredienti :
700 g di patate,

200 g di farina,

una confezione da 190 g di “pesto alla genovese

Lessare le patate, passatele al settaccio e raccogliere il passato sul tavolo incorporandovi la farina fino ad ottenere l’impasto morbido adatto per gli gnocchi.

Lessateli in acqua bollente salata, scolateli a mano a mano che vengono a galla e disponeteli sul piatto di portata versandovi sopra il “pesto alla genovese” e due cucchiai dell’acqua di cottura. Mescolate e servite aggiungendo del parmigiano.

Roma Biologica

Roma Biologica è il portale che si propone di promuovere la diffusione dell’agricoltura biologica a Roma, con la creazione di una rete territoriale di relazione tra produttori, commercianti e consumatori.

Il concetto di Filiera Corta è alla base dell’approccio di questo portale, che sfrutta la rete globale per esigenze territoriali locali.

Il sito è attualmente in lavorazione, e le informazioni in esso contenute sono ancora frammentarie, ma presto diventerà il luogo di incontro di chi, a Roma e dintorni, cerca un cibo sano per una mente sana.

Eventi a Roma

[wooglecal:http://www.google.com/calendar/feeds/g1754ulumpm088m7q27af3i6os%40group.calendar.google.com/public/basic]